SERR2017: abbiamo vinto!

2018-11-07T15:11:15+00:00aprile 17, 2018 |

Rete Zero Waste e WWF Napoli hanno vinto il Premio come Migliore Azione SERR promossa dalle associazioni con l’azione “usa e Riusa la borsa”!

I nostri sforzi per un’Italia più sensibile allo zero waste hanno già dato i loro frutti: la nostra azione SERR “Usa e riusa la borsa”, organizzata da me e Francesca in collaborazione con WWF Napoli, ha vinto come migliore azione fra quelle organizzate dalle associazioni.

La R di Riuso è una delle 5 R fondamentali che sono alla base di una vita “zero waste” (insieme a Rifiutare ciò di cui non si ha bisogno, Ridurre i propri consumi, Riciclare ciò che non può essere più riusate e infine Ridurre in compost). Come Rete Zero Waste abbiamo subito visto il tema del 2017 come un’opportunità imperdibile per sensibilizzare i nostri concittadini sulle possibili alternative all’usa e getta. Da qui è nata l’idea di organizzare delle azioni di promozione di sacchetti riutilizzabili per la spesa alimentare, da usare al posto di quelle in plastica o mater-bi.

Siamo orgogliose che la Commissione abbia così positivamente valutato la nostra azione, soprattutto perchè le altre azioni presentate dalle associazioni (e da tutte le categorie) erano di altissimo livello. Ci ha fatto particolarmente onore che sia stato il Presidente di Legambiente a presentare la nostra azione, visto che da subito ha preso una posizione ben precisa a proposito del divieto dei sacchetti per la spesa che non fossero quelli in dotazione nei supermercati.

 

A tal proposito, vi segnaliamo che il Consiglio di Stato, dietro richiesta del Ministero della Salute, si è recentemente espresso in merito:

“Fermo restando il primario interesse alla tutela della sicurezza ed igiene degli alimenti, è possibile per i consumatori utilizzare nei soli reparti di vendita a libero servizio (frutta e verdura) sacchetti monouso nuovi dagli stessi acquistati al di fuori degli esercizi commerciali, conformi alla normativa sui materiali a contatto con gli alimenti, senza che gli operatori del settore alimentare possano impedire tale facoltà né l’utilizzo di contenitori alternativi alle buste in plastica, comunque idonei a contenere alimenti quale frutta e verdura, autonomamente reperiti dal consumatore; non può  inoltre escludersi, alla luce della normativa vigente, che per talune tipologie di prodotto uno specifico contenitore non sia neppure necessario.” 

Allo stato attuale, è l’esercizio commerciale che deve verificare dell’idoneità e della conformità a legge dei sacchetti utilizzati dal consumatore forniti dal supermercato, siano essi introdotti dal consumatore. Confidiamo che presto ci sarà una presa di posizione a seguito del parere del Consiglio di Stato da parte del Ministero della Salute.


Abbiamo scoperto che l’Italia è la nazione che ogni anno presenta il maggior numero di azioni durante la SERR. Noi non vogliamo mancare e ci stiamo già preparando per la SERR2018, che si terrà dal 17 al 25 Novembre.

Tenetevi pronti!


Articolo scritto per Rete Zero Waste, insieme a Francesca